rete sentieristicaIl progetto nasce da un’esigenza dell’Amministrazione Comunale di mettere ordine all’enorme patrimonio naturale a forte valenza turistica.

La rete sentieristica di Maccagno con Pino e Veddasca si inserisce in un territorio assai più ampio già segnalato dal C.A.I. Sezione di Luino, che si estende – per ora – da Tronzano a Luino, fino a Dumenza, Agra e Curiglia con Monteviasco. Una fitta rete, capace di mettere insieme luoghi stupendi e paesaggi mozzafiato, rendendo davvero appetitosa la scelta di camminare sui luoghi che fanno da splendido corollario al Lago Maggiore.

Un totale di 38 vie che interessano oltre 151 chilometri segnalati, che si snodano su trentotto diversi sentieri, per percorrere i quali ci vorrebbero almeno cinquantaquattro ore ininterrotte di cammino. In due giorni e mezzo, girovagando dalla riva dal lago al punto più alto della Provincia (il Sasso Corbaro, con i suoi 1555 metri di altitudine). Per raggiungere questo risultato sono state posate 433 frecce direzionali, 30 tabelle di località dislocate in 153 posti diversi. Senza dimenticare le segnalazioni a ogni incrocio mediante la tecnica del Qr Code, che permette di collegarsi con un semplice smartphone a una pagina internet che spiega esattamente dove ci si trova e quale strada deve essere seguita.

Numeri che fanno sobbalzare e che danno l’idea dell’ immane lavoro portato a temine. La parte del leone la fa il territorio dell’ex Comune di Veddasca, sul quale insiste il 50 per cento del totale delle vie percorribili, ai quali si aggiungono il 36 per cento di Maccagno e il 14 di Pino.

In questa sezione si possono conoscere tutti i dettagli dei singoli tracciati.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione